Lo status sociale esiste ancora? Come la società ci divide in ordine di priorità vaccinale

› Scritto da

Il vaccino sembra dividerci di nuovo, come d’altronde è sempre stato nella storia. L’esercito, i sacerdoti e gli schiavi. Ognuno appartenente a una categoria. Ognuno diviso dall’altro. Divisione in base al reddito, in base alla professione o in base allo status sociale. Cognomi rinomati, possedimenti appariscenti e il sangue puro.

Divisioni. Viviamo in un mondo che ci divide in classi sociali. L’ascesa è complicata e l’ascensore sociale spesso non funziona. Nel 2021 siamo ancora una volta divisi: l’ordine di priorità. “Chi per primo deve avere la somministrazione del Vaccino?”

A questo quesito risponde il Piano vaccini anti Covid-19, avviato nel dicembre 2020 in Italia, così come negli altri paesi europei: uniti per combattere il virus. Lo chiarisce il Piano strategico per la vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 – Decreto 2 gennaio 2021 – presentato al Parlamento dal Ministro della Salute Roberto Speranza. Elaborato dal ministero della Salute, dal Commissario Straordinario per l’Emergenza, dall’Istituto Superiore di Sanità, da Agenas e da Aifa. Ha fatto seguito la campagna vaccinale, quella primula diventata metafora dell’Italia che rinasce.

Nella fase iniziale priorità agli operatori sanitari e sociosanitari, ai residenti e al personale delle Rsa per anziani. Coloro che sono stati colpiti in primis per il loro impegno in prima linea. E poi?

I lavoratori essenziali, gli insegnanti, i grandi della politica e gli anziani. Gli anziani sono stati i primi – dopo i medici e gli infermieri – a essere vaccinati in Italia: fasce fragili e meno resistenti.

La società globale del nostro secolo ci divide in ordine di priorità. Non più caste, non più purezza o l’essere intoccabili, ma la percentuale di rischio o la priorità del proprio ruolo nella società. Questo conta. “Priorità alla scuola” dirà qualcuno: l’educazione è fondamentale in un paese civilizzato, lo dice pure la Costituzione. “Al primo posto l’economia”: senza soldi non andiamo avanti, retrocediamo, non è sostenibile l’ennesima crisi. “E gli anziani?” aggiungerà qualcun altro: devono essere loro la nostra priorità, sono i più fragili. “I lavoratori essenziali fanno andare avanti questo paese: non possiamo permetterci di lasciarli indietro”. E così via, le classi più deboli, i detenuti e i medici con gli infermieri.

Dimenticandoci però dei giovani, degli studenti e dei bambini.

Che fine hanno fatto nel nostro ordine delle priorità? Che fine ha fatto il futuro nel nostro ordine delle priorità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *